Pubblicato il 5 commenti

Tutta colpa dei preparatori

Jimmy Fontana

[ad code=3]

A Palermo24.net, Jimmy Fontana (intervistato per la partita Napoli-Palermo), alla domanda sulla scuola dei portieri:

Si parla di una scuola italiana dei portieri in crisi però Sirigu, Marchetti, Mirante e altri dimostrano che non è così…

Il futuro del portiere è l’atleta che salta. Il problema dei portieri sono i preparatori che sono rimasti agli anni ottanta, fanno correre dietro al pallone. Il portiere di ora se non vede da fermo non può giocare a certi livelli. Il problema è tutto nei preparatori che sono rimasti ai loro tempi e non tutti sono intelligenti a capire che il pallone va più forte e il calcio è cambiato. Io sono stato fortunato perché soprattutto a fine carriera ho incontrato gente a fine carriera che ha capito che questo ruolo è cambiato“.

Adesso siamo curiosi di sapere cosa ne pensate..

[Fonte]

Pubblicato il Lascia un commento

Il fuorigioco in tempo reale

[ad code=4]

Cliccka per vedere il video
Cliccka per vedere il filmato

Il mese scorso, il web è letteralmente impazzito. Google ha rilasciato per il suo smartphone, un’applicazione che nei prossimi anni rivoluzionerà il modo di fare le ricerche su internet: stiamo parlando di Google Goggles. In sintesi l’applicazione permetterà di fare ricerche basandosi su uno scatto di una foto e in base ad essa (in automatico, dopo una breve scansione) saranno disponibili tutte le informazioni sull’oggetto della foto. Loghi, ristoranti, libri, locandine, ecc.. non c’è nessun limite.

Sfruttando questo sistema, Layar, in collaborazione con il club PSV Eindhoven, ha sviluppato un’applicazione per iPhone e Android che in tempo reale mostra la linea del fuori gioco proiettata sul campo di gioco ripreso dalla fotocamera. La linea cambia colore passando dal rosso al verde, a seconda della regolarità dell’azione.

Questo sistema grezzo (la mano non permette allo smartphone di rimanere fermo), è comunque la dimostrazione di come la tecnologia può intervenire in aiuto del calcio. Nonostante le ultime dichiarazioni del presidente UEFA, le alternative economiche sembrerebbero esserci..

L’applicazione di questo strumento non si riduce esclusivamente alle partite ufficiali, ma anche ad una valido aiuto nell’addestrare i propri difensori (e portieri) nel mantenere una valida linea difensiva e di conseguenza addestrare gli attaccanti nel non cadere nella trappola del fuorigioco. Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni.

Pubblicato il Lascia un commento

Il “The Sun” stipula la top 20 dell’ultimo decennio

[ad code=3]

Zola

Il tabloid inglese ha deciso di pubblicare i 20 goal più belli dell’ultimo decennio. Nella classifica compaiono gli italiani Paolo Di Canio e Gianfranco Zola e immortalano le loro gesta quando militavano nella Premiership. Continua a leggere Il “The Sun” stipula la top 20 dell’ultimo decennio

Pubblicato il Lascia un commento

Palleggi bendati, vince Ronaldinho….Col trucco?

Cliccka per vedere il video
Cliccka per vedere il video

Ronaldinho ci ha spesso regalato giocate straordinarie, ma quando si parla di spot pubblicitari bisogna sempre stare attenti. Chi non ricorda il famoso spot della Nike in cui calcia al volo ripetutamente sulla traversa dello stadio Camp Nou? Allora si rivelò una bufala, possibile solo grazie alle tecnologie moderne. Oppure il famoso spot con l’italiano Giorgio Paraniello, dove i calciatori dovevano mandare il pallone dentro una Fiat 500 in movimento. Anche allora, solo una volta si fece centro (pare Francesco Totti). Oggi arriva il video prodotto dalla Ea Sports – famosa software house di videogiochi – per pubblicizzare il nuovo Fifa 2010, palleggiare bendati! Abilità innate, o un altro sporco trucchetto?! Non notate nientre di strano nella benda di Ronaldinho?

Pubblicato il Lascia un commento

Piacere, portiere e bomber. Quando il gol indossa i guantoni

Butt a segno contro la Juve con il Bayer Leverkusen. Epa
Butt a segno contro la Juve con il Bayer Leverkusen. Epa

Con quello di Bolat dello Standard Liegi si allunga la serie dei n.1 andati a segno. Pochissimi su azione, molti di più su calci da fermo; come il tedesco Butt, che alla Juve ha segnato tre volte in Champions con tre squadre diverse. Nessuno, comunque, ha fatto meglio di Rogerio Ceni e Chilavert. Il paraguaiano, poi, è l’unico ad aver realizzato una tripletta.

Continua a leggere l’articolo originale.