Posted on Lascia un commento

Rigori, rigoristi – la certezza della (non) riuscita

rigore perfetto

Brian Jensen, parà il rigore a Michael Carrick e si sorprende del fatto che tra i tanti rigoristi che ha a disposizione il Manchester United (Rooney, Owen), sia proprio Carrick a posizionare il pallone sul dischetto del rigore. A fine partita, dichiara:

You can talk about mind games as much as you like but in the end it came down to pure instinct. There was no key to it, that’s for sure.

(Si può parlare di giochi della mente fino a quando si vuole ma alla fine è stato puro istinto. Non è stata la chiave, questo è certo.)

Fernando Muslera, parla di “sola fortuna“, mentre in Germania un foglietto vale un milione di euro. In Inghilterra, l’univeristà di Liverpool dimostra la ricetta perfetta per calciare un rigore:

” Il segreto starebbe tutto nella potenza del tiro, che deve essere di almeno 105 km orari (ma se è superiore, va bene lo stesso, anzi meglio); nei 5 o 6 passi di avvicinamento alla palla, partendo dalla linea dei 16 metri e nell’angolo di approccio, che varia da 20 a 30 gradi. Il pallone dev’essere poi indirizzato nell’angolino a destra o a sinistra del portiere, indicativamente a 50 centimetri dalla traversa e 50 dal palo. Seguendo queste indicazioni, gli studiosi garantiscono una riuscita del cento per cento”.

Eppure ancora oggi le statistiche dimostrano che sbagliare un rigore o parare un rigore non è una formula matemarica o un evento da attribuire alla sola fortuna. Dal momento in cui il rigorista posiziona il pallone sul dischetto di rigore, ci sono tantissime variabili che influeanzano la riuscita o la parata di un calcio di rigore. Lo studio dell’università di Liverpool mostra una possibile soluzione che può essere intrapresa dai rigoristi durante gli allenamenti, ma in ogni caso non si può essere sicuri al 100% della riuscita, così come non si può essere sicuri di un rigore parato con la sola fortuna, abilità o studio. D’altronde il calcio rimane un sport di situazione, Gene Gnocchi in una puntata de “il calcio nel pallone” ricorda eventi catastrofici

Posted on Lascia un commento

Il T90 Ascente e i test della Nike

Per promuovere il suo nuovo pallone, la Nike ha introdotto una serie di iniziative presso le sue società caclistiche più importanti (Juventus, Manchester, Arsenal, Barcelona). L’inizitiva prevede una serie di test da parte dei calciatori e il nuovo pallone T90 Ascente, in verità i test non sono altro che allenamenti dello staff tecnico di ogni squadra e qualche giochino già applicato negli spot della nike (colpire la traversa). I risultati(?) sono disponibili sul loro blog, peccato che si limitino alle condizioni del tempo e alla descrizione degli esercizi..

Arsenal

Barcelona

Juventus

Posted on Lascia un commento

I rigoristi (o presunti) della seria A 2009/2010

Il logo della Serie A

Per Camilo Josè Cela, premio Nobel per la letteratura, si tratta della pena di morte del calcio. Per i fantallenatori, invece, un prolungamento della vita calcistica. Stiamo parlando del calcio di rigore e di conseguenza dei rigoristi. Averne in squadra almeno un paio è l’obiettivo minimo. Avere anche un portiere che li para – ogni tanto – può dare sollievo. Partiamo dal dato della scorsa stagione, forse quello che scoraggia di più i procacciatori di portieri paratutto dagli undici metri. Su 115 rigori assegnati, 99 sono andati a buon fine. Dei restanti 16, 11 sono stati parati e 5 sono finiti in luoghi tristi, scarsamente inquadrati dalle telecamere: cartelloni pubblicitari, reti, curve. Solo Bizzarri e Handanovic sono riusciti a pararne più di uno (2 per la precisione).

Continua a leggere l’articolo originale

Posted on Lascia un commento

Bravo Luca

Luca Bucci smette di fare il calciatore e inizia una nuova carriera di allenatore dei portieri: una consuetudine. Le sue (però) sono belle parole, è questa non è una consuetudine.

Parliamo, per prima cosa, del tuo passaggio da giocatore ad allenatore “Cercherò di insegnare ciò che ho imparato nella mia carriera, ma quando si inizia una nuova attività non è detto che ciò che hai imparato riuscirai a trasmettere. Bisogna vedere se sarò capace di farlo, ma spero di sì. Ho avuto grandi maestri, grandi preparatori dei portieri e mi ha sempre affascinato questo ruolo. Credo di aver appreso parecchio nella mia carriera, poi bisognerà vedere cosa potrò dare ai miei allievi”. Continua a leggere l’intervista originale

Posted on 1 commento

Io sono leggenda

Gianluigi Buffon

“In Europa c’e’ chi mi ha definito leggenda, come hanno fatto i preparatori dei portieri dell’Aston Villa, o il migliore al mondo, come hanno fatto i giornalisti spagnoli. In Italia invece, mi si mette in classifica dietro altri colleghi e, pur avendo solo 31 anni, non mi si fa che chiedere quando lascero’ la Nazionale. Da noi c’e’ un grosso problema di mentalita’ e non c’e’ rispetto per il passato”

Gianluigi Buffon

Il nostro commento: “come dargli torto?”

[Fonte]

Posted on Lascia un commento

Il curioso caso di Ben Foster

1 marzo del 20009, Ben Foster para il rigore al giovane Jamie O’ Hara (Tottenham) nello stadio di wemblay, facendo vincere la sua squadra (Manchestre United) la Carling Cup. Fino a qui niente di particolare, se si esclude l’emozione e la gioia del caso. La particolarità sta nel fatto che pochi minuti prima, l’allenatore dei portieri Eric Steele, aveva mostrato un video (in realtà uno spot) di O’ Hara che batteva un calcio di rigore, tramite un Ipod! Non essendoci regole per lettori MP3 o strumenti simili nel calcio, l’idea è risultata non solo convincente ma anche a norma. La dimostrazione che le regole non tengono il passo della tecnologia..

[Fonte]