Pubblicato il

Julio Cesar: “Romario e Messi, triplete e lacrime è stato un sogno”

di Andrea Elefante (Gazzetta dello Sport)

IL PORTIERE CHE HA VINTO TUTTO CON L’INTER SABATO DICE ADDIO AL CALCIO: «VORREI TORNARE A MILANO PER VEDERE I NERAZZURRI IN CHAMPIONS: PRESTO, SPERO»

Sabato sera a Rio de Janeiro, mezzanotte a Milano. Seconda giornata del Brasileirão, la prima in casa del Flamengo, contro l’America Mineiro: il Maracanã si alzerà in piedi e Julio Cesar si siederà un’altra volta sulle ginocchia, come ha sempre fatto per schiacciare un’emozione, prima di chiudere l’ultima porta di una carriera lunga vent’anni abbondanti: «L’ultima partita, sì: sarà meraviglioso, ma finisce un pezzo della mia vita». E un altro pezzo dell’Inter del Triplete dice addio al calcio. Continua a leggere Julio Cesar: “Romario e Messi, triplete e lacrime è stato un sogno”

Pubblicato il

L’allenamento tecnico e coordinativo del giovane portiere nel calcio moderno – Le foto e i video

Il seminario del 19 Marzo 2018 è stato un grande momento di crescita e confronto. Un ringraziamento particolare ai tecnici Marco Garofalo, Daniele Borri e Manuel Amoroso ed alle loro società di appartenenza (Lazio, Juventus e Inter) per la disponibilità espressa. Alla polisportiva Cimiano per l’ospitalità, a Luca Forti per le foto ed ai prodotti di abbigliamento tecnico Capox. Infine a tutti i partecipanti che siete il cuore e l’anima di questi eventi. Tra gli iscritti allenatori dei portieri tesserati con le società professionistiche di Chievo Verona, Inter e Atalanta. Per tutti coloro che se lo sono persi vi informiamo che sono aperte le iscrizioni per il seminario a Torino. Vi aspettiamo.

Pubblicato il

Bologna, favola Santurro: esordisce in Serie A e ferma la Roma

Il terzo portiere dei rossoblù non aveva mai giocato neanche in B. Consigliato a Donadoni da Bucci, è il protagonista assoluto del pari con i giallorossi.

C’era una volta un ragazzo di ventisei anni con i guantoni alle mani, un pipistrello sul petto e un sogno nella testa: giocare in Serie A. Difficile, però, se non hai mai calcato neanche una volta i campi di Serie B. A meno che non ti chiami Antonio Santurro da Parma e non sei il terzo portiere del Bologna. Contro la Roma, con Mirante squalificato e Da Costa non al meglio, Donadoni gli regala una chance. Lui ringrazia, mette la solita maglia di Batman sotto la divisa e… para. Continua a leggere Bologna, favola Santurro: esordisce in Serie A e ferma la Roma

Pubblicato il

Mondiale 2018, i portieri contro il nuovo pallone: “Fa cose strane”

Reina, De Gea e Ter Stegen contro l’Adidas Telster: “È impossibile capire dove vada a finire. Di sicuro in Russia vedremo più di 35 gol”

A meno di tre mesi dal fischio d’inizio del Campionato del Mondo di calcio, che si disputerà in Russia dal 14 giugno al 15 luglio, scoppia la polemica pallone. A lanciare l’allarme sono tre dei migliori portieri in circolazione: Pepe Reina, David De Gea e Marc-André ter Stegen. Continua a leggere Mondiale 2018, i portieri contro il nuovo pallone: “Fa cose strane”

Pubblicato il

Jgoalkeeper – Il gioco aereo, seconda parte

Le prime esercitazioni che vedrete sono di riscaldamento, tieniamo sempre conto che i ragazzi nel pre allenamento hanno svolto un’attivazione piuttosto importante in palestra e quindi vedrete delle esercitazioni di avviamento con delle uscite alte con a seguito una palla rimbalzante dopo una giravolta e dopo una capovolta. Continua a leggere Jgoalkeeper – Il gioco aereo, seconda parte

Pubblicato il

L’allenamento tecnico e coordinativo del giovane portiere nel calcio moderno

In un tempo non troppo lontano la pigrizia motoria era una cosa rara.
Erano invece ricorrenti le attività di gioco nel cortile, il rincorrersi, saltare la corda, lanciarsi la palla.

Lo sviluppo delle capacità motorie avveniva tramite il gioco di strada, permettendo così lo sviluppo armonico involontario del corpo e le relazioni sociali, di cooperazioni e convergenze di energie mirate ad un fine comune. Non esistevano le scuole sportive, abbinate all’istruzione però iniziative come i giochi della gioventù che aumentavano il regolare sviluppo motorio.

Oggi ci si è ridotti all’immobilità della casa e, secondo un rapporto di Eurydice, l’Italia è fanalino di coda tra i paesi dell’Unione Europea per le ore di educazione fisica a scuola. In questo scenario, che poco valorizza gli sport in generale, come bisogna comportarsi nello specifico trattando la figura del portiere nell’attività di base? Quali sono gli obiettivi da perseguire?

Avremo modo di discuterne insieme, Lunedì 19 Marzo con i nostri relatori Marco Garofalo (SS Lazio), Daniele Borri (FC Juventus) e Manuel Amoroso (FC Internazionale). Partecipa al seminario, iscrizioni aperte fino al 15 Marzo 2018.

Per ulteriori informazioni accedi alla pagina web