Posted on Lascia un commento

Che fine hai fatto Espen Baardsen

Abbiamo già accennato di Espen Baardsen, il guardian.co.uk è riuscito a raggiungerlo e ad intervistarlo. Ecco la traduzione:

Perché hai deciso di abbandonare il calcio?

Mi sono stufato di giocare. Una volta che hai giocato in Premier League ed una Coppa del Mondo, hai visto tutto. Ho fatto quello che volevo fino a quando o potuto e voluto. Mi sentivo insoddisfatto intellettualmente, ho voluto viaggiare per il mondo.

Che cosa ti è passato per la testa l’ultima giornata che hai giocato?

Avevo finito con il Watford, ero in prestito all’Everton e avevo appena iniziato a Sheffield United. Avevo vissuto tra alberghi e valigie per mesi. E ’stato a Sheffield, che ho raggiunto il mio punto più basso. Sono entrato in ufficio con Neil Warnock per negoziare il mio salario e lui mi ha offerto meno di quanto guadagna un idraulico. Mi voltai e andai via. Ero giovane ed era la mia vita e decisi che non dovevo più essere nel mondo del calcio.

Come ha fatto con i suoi interessi finanziari?

E ’stato in gran parte attraverso la ricerca di dove investire il mio rimborso calcistico. Ero arrivato al punto in cui  trascorrerevo parte della giornata a giocare a calcio e il resto a capire i mercati monetari. Invece di giocare alla PlayStation nel mio tempo libero, volevo leggere i libri bizzarri, la storia dei tassi d’interesse e l’oro di domani. La maggior parte dei miei compagni di squadra – Ramon Vega a parte – avevano interessi simili – probabilmente  ho pensato che fosse un po ’strano.

Ti manca il calcio?

Un sacco di tifosi mi chiedono come ho potuto lasciare il calcio, ma loro non c’erano e non possono capire. Ho avuto molto tempo per giocare e sono molto contento di come sono andate le cose. A volte mi manca l’emozione, lo stadio pieno di gente, fare una grande parata. Ma questo è oscurato da altre cose, ho particolarmente odiato avere a che fare con i media. Quei mesi a Watford, dopo il crollo con ITV Digital è stato molto difficile. Ramon e io siamo stati tra i precursori tra quelli più pagati e ci hanno fatto sentire un peso per il club.

Che cosa fai adesso?

Dopo che ho lasciato il calcio sono andato in viaggio per 18 mesi. Sono tornato e sono stato ingaggiato da Eclectica nel 2005. Noi attualmente gestiamo circa un miliardo di dollari – abbiamo a che fare nei traffici di tasso di interesse, tassi di cambio e delle scorte. Maggior parte delle persone nel mio settore si specializzano in un solo campo – con i suoi effetti – ho una buona conoscenza mi sento orgoglioso.

Sei più felice ora?

Non si direbbe, una persona che lavora in città potrebbe pensarlo, ma io sono più rilassato, ho cinque chili in meno è sono più in forma e più sano rispetto alla fine della mia carriera calcistica. Il calcio è stressante, provate a giocare di fronte a 40.000 tifosi pazzi,  che sono felici o tristi per tutto il loro fine settimana a seconda di come va la partita. Non m’importa tutte le persone che ti criticano in TV. Non tornerei indietro, non c’è pressione in questo lavoro,  è qualcosa di diverso e si adatta meglio di quanto il calcio abbia fatto per me.

Sotto una clip dove l’ex portiere spiega come investire nell’agricoltura

Lascia un commento