Posted on Lascia un commento

La FIFA discute la ‘Paradinha’

Cliccka per vedere
Cliccka per vedere

Questo fine settimana a Zurigo, la FIFA discuterà la controversa magia brasiliana: la paradinha. La tattica, che in portoghese significa “piccolo stop”, è stata prima resa popolare da Pelé nel 1970, ma è stata recentemente adottata, da molti giocatori brasiliani e da un crescente numero di stelle di altri paesi, come il portoghese Cristiano Ronaldo. Il paradinha è eseguita su un calcio di rigore per il tiratore, che si ferma improvvisamente prima di colpire la palla. È progettato per mandare fuori tempo il portiere. Quando viene eseguito correttamente, la mossa può avere risultati sbalorditivi.

La mossa non è vietata dalle norme vigenti della FIFA, e l’organismo internazionale che disciplina la prima dice che potrebbe modificare o chiarire la pena di regola di calcio sarebbe il prossimo anno. Ma spetterà a ciascun arbitro a decidere se consentire il passaggio alla Coppa del Mondo, quando inizia in Sud Africa nel mese di giugno, o se per punire la manovra come “comportamento antisportivo”.

Cliccka per ingrandire
Cliccka per ingrandire

“Questo è barare”, ha detto il presidente della FIFA Joseph Blatter, parlando della paradinha in una riunione a Rio nel mese di settembre. “Questo ‘fermare’ deve essere interrotto.”

Il termine fu coniato quando Pelé utilizzò la manovra, anche se con più sottigliezza dei giocatori di oggi, durante la Coppa del Mondo nel 1970, anche se allora ha ammise di aver semplicemente copiato il gesto da Didi, uno dei brasiliani del calcio dalla mente più creativa, che come è noto disdegnavano il contatto fisico e credeva che la palla doveva fare il lavoro e non il giocatore.

La tecnica può rivelarsi controproducente, soprattutto per i giocatori che la impiegano troppo spesso. Ne sà qualcosa Cristiano Ronaldo, mentre giocava per il Manchester United, nella finale del 2008 di Champions League.

[ad code=4]

Al di fuori del Brasile, gli arbitri meno abituati a vedere il movimento, sono meno indulgenti. In una partita tra Palmeiras e il club brasiliano Argentinos Juniors due anni fa, un arbitro colombiano ha castigato il centrocampista brasiliano Diego Souza per aver ingannato il portiere e punito con un cartellino giallo.

[Fonte]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.