Pubblicato il

La partita vista dai pali: Handanovic e Szczesny a confronto in Inter-Roma

di Giovanni Albanese (www.bordocampo.net).

Quando un grande portiere subisce tre reti e merita ugualmente l’ampia sufficienza vuol dire che la squadra avversaria ha vinto con merito. E così, al di là del 3-1 della Roma sull’Inter, c’è da raccontare la bella prestazione di Handanovic di fronte a quella di Szczesny, senza dubbio i portieri stranieri più in forma della nostra Serie A.

L’estremo difensore dell’Inter si è ritrovato a fare i conti con due magie di Naingoolan, ma la sua prestazione è comunque esaltante per la grande parata sul rasoterra di Dzeko, che avrebbe potuto chiudere prima il match. Sul fronte opposto, ilnumero1 polacco mostra tutta la sua sicurezza sia in uscita con le mani che sugli appoggi con i piedi, movimenti che danno di fatto il via alla manovra giallorossa. Poco può fare sula rete di Icardi, ma di fatto la sua conduzione di gara torna molto utile alla squadra di Spalletti.

Tanto rammarico a fine partita anche per Mirante, protagonista di un secondo tempo superlativo in Genoa-Bologna. Il portiere emiliano para praticamente tutto quello che può, mostrando reattività e buona tecnica. La beffa giunge a tempo praticamente scaduto e la rete subita vale il pari. Bene, sul fronte opposto, anche Lamanna, anche se impegnato meno.

Chi sporca una prestazione fino a quel momento esaltante è l’altro polacco della massima serie, Skorupski, che tra i pali della porta dell’Empoli, contro la Juventus, compie tre-quattro importanti interventi nel primo tempo, ma vanifica tutto smanacciando a inizio ripresa sul colpo di testa di Mandzukic, che sblocca la partita. Si mostra sicuro, sulla metà opposta, Neto, in campo dal primo minuto al posto di Buffon.

Prima partita da maggiorenne per Donnarumma, che tiene la porta del Milan inviolata sul campo del Sassuolo. La partita viene risolta da un calcio di rigore nel quale Consigli viene superato da Bacca, ma l’attaccante sembra toccare la palla due volte, scatenando le proteste dell’estremo difensore neroverde.

LE ALTRE PARTITE DI SERIE A VISTE DAI PALI

 CHIEVO – PESCARA

Sorrentino – Bella parata nel primo tempo su Caprari.
Bizzarri – La seconda rete di Castro nasce da una sua ribattuta.

CROTONE – CAGLIARI

Cordaz – Non ha responsabilità sulle reti subite, bene sulle uscite.
Gabriel – Buona gestione di gara, richiama diligentemente la linea difensiva.

FIORENTINA – TORINO

Tatarusanu – Bene sugli appoggi con i piedi, incolpevole sui gol.
Hart – Due uscite risolutive in area nei confronti di Tello.

 LAZIO – UDINESE

Strakosha – Sempre attento quando la palla finisce dentro la sua area di gioco.
Karnezis – Non corre alcun rischio, Immobile lo beffa solo su calcio di rigore.

NAPOLI – ATALANTA

Reina – Caldara lo infila due volte, anche se non ha grosse responsabilità sugli episodi.
Berisha – Non compie parate incredibili, ma grazie a lui la porta resta inviolata.

PALERMO – SAMPDORIA

Posavec – Compie mezzo miracolo su Fernandes prima della rete di Quagliarella.
Viviano – Due ottime parate su Balogh tengono in partita la sua squadra.

I PORTIERI ITALIANI IN CAMPO ALL’ESTERO

SALVATORE SIRIGU (Osasuna) – Un’altra partita grigia: tre reti subite a rovinare una giornata che non può certo essere ricordata tra le più brillanti di questa stagione.

ANTONIO DONNARUMMA (Asteras Tripoli) – Un paio di interventi risolutivi non lo giustificano in un’altra gara da dimenticare, con tre reti subite.

NICOLA LEALI (OLYMPIACOS) – Bene sulle uscite.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.