Pubblicato il

Alex Brunner: I portieri stranieri 
e quel difetto di uscire con i piedi

La redazione pubblica l’intervista al Mister Alex Brunner (il suo profilo sul blog è disponibile a questa pagina, mentre la nostra intervista a questa pagina) da Tuttosport a seguito di bella iniziativa:

Ogni settimana migliaia di allenatori abilitati Aiac viaggiano nei vari centri sportivi d’Italia per studiare allenamenti e metodologie di lavoro dei colleghi più famosi. Un modo per aggiornarsi e migliorarsi nel lavoro quotidiano con le proprie squadre, che siano professionistiche o dilettanti. Con l’iniziativa “Io alleno così” abbiamo deciso di scendere in campo – e in panchina – anche noi di Tuttosport. Non ci muoveremo da soli: ogni volta porteremo con noi domande (scriveteci: allenatori@tuttosport.com) e curiosità di migliaia di tecnici, senza distinzione di categorie. Un’occasione unica per approfondire varie tematiche e per vedere il calcio da un altro punto di vista, che poi forse è anche quello più bello.

Siamo partiti con Di Francesco, da Sassuolo, e nei prossimi mesi – a partire da venerdì prossimo con Donadoni – faremo visita a tutti gli allenatori.

Buona lettura.

Continua a leggere Alex Brunner: I portieri stranieri 
e quel difetto di uscire con i piedi

Pubblicato il

Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (quarta parte)

Scuffet quarta parte

Siamo giunti alla quarta e ultima parte della didattica. Ancora una volta la redazione ringrazia l’Udinese Calcio, il Mister Alex Brunner e Simone Scuffet per la disponibilità. La condivisione dei nostri articoli sui social network è uno strumento molto potente. Vi invitiamo quindi, qualora ne abbiate piacere, a condividere i nostri articoli. Il vostro supporto è molto importante.
Grazie.

Guarda la prima parte

Guarda la seconda parte

Guarda la terza parte

PARATA A CONTRASTO di Alex Brunner

Perché la parata a contrasto?

Io ci credo tantissimo. La scena di gioco è la seguente: l’avversario è nell’area di rigore a una distanza compresa tra i 4-6 metri dal portiere. Il controllo del pallone è impreciso, si allontana dal piede a una distanza compresa tra 1-2 metri. Vedere il portiere passivo, inerme, già sconfitto ancora prima che il palloni entri in porta o speranzoso che un avversario concluda a rete è qualcosa che io non accetto.
Sfruttando la forza generata dalla spinta delle gambe, la somma della lunghezza del corpo e delle braccia distese-parallele (mani verticali a spazzaneve), la parata a contrasto mi consente di attaccare e difendere lo spazio limitato dal portiere stesso. Un avversario che non ha il pallone vicino al piede concede la possibilità al portiere (anche se in ritardo) di attaccarlo nella “terra di nessuno”. Ci vuole coraggio, struttura fisica e tecnica. Tutto ciò si può allenare ogni giorno. Io ci provo.
Il segnale per attaccare che io chiamo semaforo verde e’ quando il pallone tramite un controllo impreciso dato dal piede, dal petto, dalla coscia e dalla testa dell’attaccante, viene orientato nella cosiddetta “terra di nessuno”. Vedo molti portieri che in situazioni analoghe intervengono tuffandosi con le gambe rivolte verso il pallone e sedere a terra. Questo modo di opporsi permette la copertura dello spazio in modo approssimativo.
Ripeto che nella parata a contrasto insisto molto, ci credo molto e pretendo che venga eseguita.

[jwplayer mediaid=”8203″]

Pubblicato il

Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (terza parte)

Simone Scuffet terza parte

La redazione ringrazia l’Udinese Calcio, il Mister Alex Brunner e Simone Scuffet per la disponibilità. La condivisione dei nostri articoli sui social network è uno strumento molto potente. Vi invitiamo quindi, qualora ne abbiate piacere, a condividere i nostri articoli. Il vostro supporto è molto importante.
Grazie.

Continua l’appuntamento con Alex Brunner e la didattica della parata a contrasto. La terza parte è disponibile, buona visione. Continua a leggere Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (terza parte)

Pubblicato il

Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (seconda parte)

Simone Scuffet seconda parte

La redazione ringrazia l’Udinese Calcio, il Mister Alex Brunner e Simone Scuffet per la disponibilità. Inoltre ringrazia tutti i nostri lettori per la straordinaria ondata di entusiasmo trasmessa con la pubblicazione della prima parte. Ci avete travolti!! La condivisione dei nostri articoli sui social network è uno strumento molto potente. Vi invitiamo quindi, qualora ne abbiate piacere, a condividere i nostri articoli. Il vostro supporto è molto importante.
Grazie.

Continua l’appuntamento con Alex Brunner e la didattica della parata a contrasto. La seconda parte è disponibile, buona visione. Continua a leggere Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (seconda parte)

Pubblicato il

Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (prima parte)

La redazione ringrazia l’Udinese Calcio, il Mister Alex Brunner e Simone Scuffet per la disponibilità.

Alex Brunner Simone Scuffet

PARATA A CONTRASTO di Alex Brunner

Perché la parata a contrasto?

Io ci credo tantissimo. La scena di gioco è la seguente: l’avversario è nell’area di rigore a una distanza compresa tra i 4-6 metri dal portiere. Il controllo del pallone è impreciso, si allontana dal piede a una distanza compresa tra 1-2 metri. Vedere il portiere passivo, inerme, già sconfitto ancora prima che il palloni entri in porta o speranzoso che un avversario concluda a rete è qualcosa che io non accetto. Continua a leggere Alex Brunner e Simone Scuffet, la didattica della parata a contrasto (prima parte)