Posted on Lascia un commento

La strana postura di Joe Hart

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9zCAKF70Wt0[/youtube]

Durante i rigori battuti nella partita valevole per i quarti di finale di Euro 2012 disputata tra Inghilterra-Italia, l’occhio più attento avrà sicuramente notato la strana postura di Joe Hart sulla linea di porta. Se qualcuno si domandasse se fosse una strategia così com’è stato per Jerzy Dudek (nella finale di Champions League nel 2005), si sbaglia. Il portiere inglese in realtà ha questa caratteristica. Qualche giorno fà, diversi giornali inglesi, hanno pubblicato sulle loro homepage una divertente sfida ai rigori tra Mario Balotelli e Joe Hart durante gli allenamenti a Manchester. Sotto lo sguardo divertito di Massimo Battara, il portiere ripete senza far troppo caso la postura vista durante la gara con l’Italia.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=8W3CZ3IHYBo[/youtube]

Se da un lato la postura può essere sbagliata, dall’altro lato ci teniamo a precisare che la sfida ai rigori tra il rigorista e il portiere rimane una sfida mentale, fatta d’informazioni e sangue freddo. Per rendere l’idea, in nostro soccorso arrivano Andrea Pirlo che a fine partita ha così spiegato ai microfoni Rai: “Ho visto il portiere che faceva movimenti strani, e allora ho deciso di tirarlo in quel modo” e Morgan De Sanctis dopo la partita di Champions League contro il Bayer Monaco: “Il rigore parato a Gomez? L’avevamo studiato, sapevo che tira forte ad incrociare ma che spesso gli capita di calciare debolmente, come accaduto con l’Herta Berlino. L’ho aspettato e mi è andata bene“.

Infine pubblichiamo le dichiarazioni di Gianluigi Buffon su Joe Hart, misteriosamente indicato dalla stampa italiana come l’anello debole dell’Inghilterra: “Credo che Hart, Neuer e Sirigu possano segnare un’epoca importante nel calcio internazionale. La differenza fra un portiere normale e un campione sta in tante piccole cose: la prima è sicuramente cercare di sbagliare il meno possibile” [Fonte].


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.