Pubblicato il

Metà Serie A sceglie di non avere il portiere titolare

di Federico Strumolo

Addio ai tempi del numero 1 inamovibile: dalla Juve al Milan, fino al Napoli, tra i pali ci si gioca il posto ogni partita. Continua a leggere Metà Serie A sceglie di non avere il portiere titolare

Pubblicato il

La partita vista dai pali: Mirante e Sportiello tornano in campo

di Giovanni Albanese (www.bordocampo.net)

Il quattordicesimo turno di Serie A è stato quello del ritorno tra i pali di Antonio Mirante e Marco Sportiello. Al di là del risultato, che ha visto l’Atalanta vittorioso sul Bologna, la copertina del match è tutta per i due numeri uno italiani, che per motivi diversi non scendevano in campo da diverse settimane. Mirante ha risolto l’intoppo fisico che lo ha bloccato la scorsa estate e proprio domenica è tornato nel posto che più gli compete, in campo, dopo aver raccolto un caloroso in bocca al lupo di tutti i colleghi della Serie A. Sportiello, invece, in questa stagione si gioca il posto con Berisha e contro il Bologna ha giocato a proprio favore l’opportunità di difendere la porta dal primo minuto.

Continua a leggere La partita vista dai pali: Mirante e Sportiello tornano in campo

Pubblicato il

L’allenamento dei portieri della nazionale

I canali web ufficiali di Vivo Azzurro e delle Nazionali Italiane di Calcio pubblicano una clip con le immagini della seduta del 26 Maggio riguardante i portieri azzurri. Le immagini mostrano probabilmente la fase di riscaldamento con l’utilizzo delle porticine nelle zone laterali del campo. I portieri dopo aver effettuato la tecnica di presa (senza l’utilizzo dei guanti di gioco), hanno il compito di rilanciare  il pallone con lo scopo di indirizzarlo nel loro interno.

Pubblicato il

Intervista a Luca Marchegiani: “Giocare con i piedi, che trauma!”

Interessante iniziativa intrapresa dal Corriere dello sport: un’inchiesta sul ruolo che negli anni è cambiato più di tutti. Luca Marchegiani ci introduce negli anni 90, che sono quelli della prima, vera, grande trasformazione: nel bel mezzo della carriera, questa generazione si ritrova con un problema in più, non può prendere con le mani il retropassaggio del compagno, ma deve rigiocare la palla con i piedi, e deve farlo bene e velocemente perché gli attaccanti ora partono in pressing. Marchegiani, oggi opinionista di Sky, è il personaggio ideale per spiegare il cambiamento. 

[vimeo]https://vimeo.com/83338918[/vimeo]

Io non mi sentivo pronto, Pagliuca invece lo sapeva fare. Ho cercato di lavorarci anche dopo aver sbattuto il muso ma quell’errore in Italia-Svizzera ha fissato i miei limiti

Continua a leggere Intervista a Luca Marchegiani: “Giocare con i piedi, che trauma!”

Pubblicato il

Intervista a Zoff: “Fare il portiere è come allenare”

Interessante iniziativa intrapresa dal Corriere dello sport: un’inchiesta sul ruolo che negli anni è cambiato più di tutti. La terza puntata è dedicata a un monumento del calcio italiano, all’uomo del francobollo, Dino Zoff. La sua epoca è stata la più ricca di talenti, come dice lui stesso. Dino ci porta in una stagione felice del portiere italiano, senza dimenticare i migliori stranieri di quell’epoca. 

Il timore dell’errore penalizza la qualità. Il calcio è cambiato: ormai ci sono più respinte che parate.

Continua a leggere Intervista a Zoff: “Fare il portiere è come allenare”